Showcase

TITOLO PROGETTO: Scarichi Lamborghini Reventon

DESCRIZIONE

I particolari che dichiarano il prestigio e l’unicità più di qualunque magniloquente descrizione. La realizzazione di 4 scarichi , alieni a qualsiasi geometria euclidea. Da un blocco creare disassamenti e effetti ottici scomposti che emergono solo nella visione di insieme per un pezzo unico ora e sempre.

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: Corpo pompa Turbo

DESCRIZIONE

Un corpo pompa altamente tecnologico e con ristrettissimi margini di tolleranza dimensionale che richiederebbe 5 o 6 prese in carico di centri di tornitura e fresatura diversi e che invece in Oms trova risposta in una unica macchina di altissima tecnologia.
Questa soluzione garantisce la massima precisione di esecuzione (vedi descrizione integrex 200 Gt allegata), nonche’ una efficienza economica sul prodotto stesso del 12% circa.
Una produzione fluida di 12 /18 pz al giorno, garantita al 99% per la capacità di gestire contemporaneamente una fresa a 5 assi e 2 torni

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: TiMac

Strumenti e rivestimenti per la lavorazione di parti complesse in Ti-base per applicazioni aeronautiche e parti di pareti sottili.

DESCRIZIONE

Il progetto TiMac è volto alla produzione di parti di alta precisione in titanio.
Il secondo obiettivo del progetto è concepire, progettare, sviluppare e fornire applicazione industriale di una nuova generazione di strumenti durevoli e ad alte prestazioni per la lavorazione del titanio, specialmente per la fresatura.
In special modo il progetto TIMac mira a progettare e sviluppare attrezzature prototipali per la lavorazione di componenti in titanio di alta precisione nel settore delle pompe turbomolecolari.
Il punto di partenza era la necessità di studiare e sviluppare strumenti e attrezzature per implementare e monitorare il rotore delle pompe per vuoto con materie prime con prestazioni molto più elevate di quelle attuali (passando cioè dall’alluminio al Titanio Ti 6.4).

Leggi l’articolo pubblicato su Macchine Utensili

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: nanoDIAMOND

Utensili da taglio diamantati innovativi con leganti in nanolaminato per componentistica di fascia alta

DESCRIZIONE

L’obiettivo principale di questo progetto è quello di sostituire i materiali leganti attualmente utilizzati (Co e Ni base) con materiali diamantati plastico-ceramici a legame di fase nanometrico o submicrometrico.

I nuovi materiali sono in grado di lavorare con carichi considerevolmente più elevati e a temperature più elevate rispetto ai materiali PCD attualmente utilizzati.

La nuova tecnologia proposta nel progetto consente anche la possibile eliminazione di liquidi di raffreddamento, riducendo così i rifiuti industriali e i costi di lavorazione per app. 15%.

I materiali policristallini sviluppati nel progetto si basano sul diamante con legame di fase, come i nanolaminati solidi termodinamicamente stabili.
I nuovi strumenti creati nel progetto apportano numerosi vantaggi ai processi di lavorazione industriale.

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: Progetto Carter Harley

DESCRIZIONE

Nel solco della tradizione di un brand universale, un realizzazione in puro stile italiano, con il concetto di design anteposto alla precisione per fare emergere il lato estetico del lavoro di una fresa.

Main target era la realizzazione di un disegno ad alto dettaglio ed accentuato rilievo, in modo tale da consentire il riconoscimento del disegno anche in visione laterale.

Una serie di test ha consentito di raggiungere un risultato finale ineccepibile.

Materiale:
Lega Ergal 7075

Peso del grezzo:
circa 1.5 kg

Peso del finito:
circa 450 g

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: Sistema frenante x Moto GP

Materiale:
Lega Alluminio 6082T6

Cliente:
Brembo Racing

Nome pezzo:
Campana Disco Anteriore

Applicazione:
Sistema frenante x Moto GP

Commitment:
Richiesto errore max di planarità entro 0.05mm

Lead Time:
12gg lavorativi

DESCRIZIONE

Il commitment del cliente era mantenere una tolleranza di planarità, con un errore compreso tra 0.03 mm e 0.05 mm, compromessa invece dal tensionamento e detensionamento propri della lavorazione
Lo studio di processo realizzato, ha coinvolto anche i fornitori, in fasi di analisi teorica e verifiche sperimentali
Con la messa a punto di un mandrino a 6 punti di presa, bilanciato ed equilibrato, e con un sistema di “compensazione” della forza centrifuga. Si è raggiunto l’obbiettivo di ridurre la tensione sulle fibre di materiale
La verifica produttiva ha fornito apprezzabili risultati, con un errore compreso tra 0.02 e 0.03 mm.
Al fine di mantere la tolleranza anche dopo l’operazione di fresatura , sono stati validati utensili MONOTAGLIO , con un impatto meno invasivo sulle fibre di materiale, grazie a specifici angoli di affilatura

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: Progetto Vortex

DESCRIZIONE

Il Politecnico di torino come committente e un Reattore ad alta pressione da reingegnerizzare. Soluzioni di raccordo intercambiabili con innesti a vite e Oring di tenuta, ridisegno e ridistribuzione dei flussi di gas ad alta pressione con miglioramento della tenuta e della efficienza.

Questo sistema ha permesso la sostituzione di una singola valvola di gestione flusso dei gas, quando si è reso necessario ai fini della ricerca, senza dover ricorrere alla sostituzione dell’intero sistema di ignezione del gas ad alta pressione , offrendo un notevole risparmio sia in termini economici che in termini temporali.

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: Progetto Molibdeno

DESCRIZIONE

La costruzione di una stampo in materiale molibdeno al 99%
Ai fini di una ricerca , si è reso necessario ricreare alcuni particolari in Molibdeno 99%, i precedenti particolari erano realizzati in carbonio, ma i residui lasciati durante il processo ,rendevano inutili i dati rilevabili.

Vista la criticità dell’applicazione e dei materiali ad essa legati, il dipartimento di scienza e chimica dei materiali ho deciso di tentare una sfida ad ora mai provata: eseguire lavorazioni meccaniche di precisione su una lega di Molibdeno al 99%, lavorazione con ogni probabilità mai provata fino ad ora Una sfida sino ad ora mai tentata. Una lavorazione che solo Oms può provare a rendere realizzabile.

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: HIGH IMPACT lavorazione 5 assi

Materiale:
Ergal 7075 T6 Barra Estrusa Diam. 240mm , lunghezzza 135 mm

Cliente:
Partner Mori Seiki

Nome pezzo:
Lamborghini Reventon

Applicazione:
Dimostrativo HIGH IMPACT lavorazione 5 assi

Commitment:
Esplorare e metter in luce, le potenzialità della NMV5000 della Mori Seiki

Lead Time:

DESCRIZIONE

Alcuni dati per inquadrare il challenge intrapreso e portato a compimento.
Peso del materiale grezzo : 11.6 Kg.
Peso del pezzo finito : 1.9Kg.
Tempo di lavorazione ad alta velocità : 29h 15min.
Lavorazione con fresa semisferica diam 3mm.Lavorazione 3D con fresa diametro minimo 2 mm.
Progettazione esecuzione programma CNC: Mastercam X5.
Il programma Cnc della sola lavorazione di finitura a 5 assi,occupa 235 Mbytes. Mettendo in fila tutti i caratteri c si otterrebbe una linea lunga 220 Km

Il cliente ha lanciato la sfida di realizzare un dimostrativo delle potenzilità della macchina Mori Seiki NMV5000, che fosse diverso dalla solita girante per turbina, visibile in tutte le fiere di settore.
Abbiamo accolto la sfida mettendo a disposizione tutto il nostro Know how e realizzando a tempo di record il prototipo visibile in foto.

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: Rotore pompa turbo molecolare

Materiale:
Lega Avional 2014 t6

Cliente:
Agilent Technologies

Nome pezzo:
Rotore Turbo

Applicazione:
Rotore pompa turbo molecolare

Commitment:
Parallelismo alette turbina-concentricità tra gambo e alette

Lead Time:
12gg lavorativi

DESCRIZIONE

Il ridotto spessore delle alette del rotore rende impossibile mantenere la tolleranza di perpendicolarita’ con l’ asse del gambo rotore, entro il limite di 0.03mm.
Le cause sono l’ eccessivo carico termico sulle alette durante la fase di tornitura CNC, e l’eccessivo attrito generato dall’utensile di taglio.
Lo studio di processo ipotizza pertanto la realizzazione ex novo di un utensile PCD (diamante policristallino), con angoli di taglio e di spoglia funzionali a ridurre il carico termico e l’attrito. Sul centro di tornitura CNC viene installato un impianto idraulico per liquido di refrigerazione ad alta pressione di uscita a circa 15Bar.
La collaborazione con il fornitore, ha prodotto un utensile originale, su nostro disegno, grazie al quale l’errore, di perpendicolarita’, è stato ridotto a 0.015/0.020mm.

Click sulle immagini per ingrandire

TITOLO PROGETTO: Impianti di filtraggio per liquidi da taglio

Materiale:
Acciai inossidabili della serie AISI 303, 304, 316, 416 L

Cliente:
Collaborazioen Ridix Oms

Nome pezzo:
Filtro Ridix Bypass tipo R1

Applicazione:
Impianti di filtraggio per liquidi da taglio

Commitment:
Ottimizzare il filtraggio dei liquidi contaminati da particelle metalliche

Lead Time:
30 gg

DESCRIZIONE

L’esigenza era di migliorare l’efficienza delle soluzioni di filtraggio proposte dalle case costruttrici di macchine utensili. e nello stesso tempo ridurre i costi. Il cuore della soluzione passa nel posizionamento del gruppo filtrante vicino alle macchine nell’ottica di operare in bypass, a ciclo continuo, con la macchina stessa.
Il sistema, a cartuccia, può essere configurato in diverse soluzionei ed a seconda delle macchine di lavoro, si può arrivare a filtrare sino a particelle di 3 micron. la flessibilità di implementazione, a seconda del centro di lavoro, la prossimità del filtraggio e l’operatività in bypass, che riduce il volume di liquido non riutilizzabile, hanno permesso di ridurre sensibilimente i costi di questa fase della laovrazione.

Click sulle immagini per ingrandire